6 Febbraio 2014 di Marco BarzizzaBig

Visintin a IS: "Sochi, è il mio momento"

Intervista, uscita su Eurosport.it, alla punta di diamante della Nazionale azzurra di snowboard cross, che dopo una stagione di successo vuole puntare in alto anche alle Olimpiadi invernali
Picture
Foto tratta da www.lastampa.it
Intervista uscita su Eurosport.it

Giovane, esuberante, determinato: Omar Visintin è uno degli atleti che possono regalare sorprese all'Italia nei prossimi Giochi Olimpici invernali in programma a Sochi dal prossimo 7 febbraio. Il 25enne di Merano, fresco vincitore della tappa di Coppa del Mondo ad Arcalis nello snowboardcross è carico per il grande evento e non nasconde di sognare il podio. Lo abbiamo intervistato prima della partenza per la Russia. 

Il momento è di quelli da sfruttare: secondo a Montafon, terzo sull'Arcalis e poi primo nella seconda gara ad Andorra. Torni da questa trasferta con nuove certezze?
“Diciamo che in questa disciplina può succedere di tutto. Sicuramente adesso so di essere forte, so che posso giocarmela con i più forti al Mondo e che se tutto mi va bene anche vincere”.

E quante speranze in vista di Sochi?
“Non vado a fare il turista. Andrò lì, darò il massimo e affronterò la gara come tutte le altre gare”.

Positivo anche il terzo posto nell'ultima gara di Luca Matteotti: significa che la squadra gira bene tutta... no?
“Già sapevamo che tutta la squadra era molto competitiva. Dopo questa trasferta ne siamo ancora più consapevoli e certi. Questa cosa ci aiuta a crescere ancora di più”.

Tra meno di un mese ci sono le Olimpiadi: con quali aspettative parti?
“Io parto per salire sul podio (come sempre), poi si sa che può accadere di tutto. Ci sono molti atleti forti e le probabilità di cadere, da soli o per colpa di qualcun altro, sono alte. Ma questo è il nostro sport e lo dobbiamo accettare; non ci penso e vado per la mia strada, convinto di poter fare una buona Olimpiade”.

Quanto hai lavorato in questi ultimi 4 anni per poter arrivare a questo importante evento?
“Ogni anno un po' di più. Il lavoro è stato intenso ma sta già pagando. Lo snowboard è diventato il mio lavoro e questo sport è sempre stato la mia passione”.

Sarà la tua prima competizione olimpica: cresce l'emozione?
E' la prima volta, sono un po' emozionato ma allo stesso tempo tranquillo. Piano piano, una volta arrivato là, si vedrà...”.

C'è qualcuno che ti è stato particolarmente d'aiuto nei mesi di preparazione a Sochi che ti va di citare/ringraziare?
“La mia famiglia e i miei amici, che hanno sempre creduto in me e mi hanno dato gli spazi e  il tempo per allenarmi anche se questa voleva dire sacrificare del tempo da dedicare a loro”.

Come Nazionale, sia maschile che femminile, che possibilità credi possa avere l'Italia nello snowboard a Sochi?
“Possiamo fare grandi cose, senza dubbio. Poi, ovviamente, ogni gara è diversa e non è possibile fare previsioni adesso”.

Da dove nasce la passione per lo snowboard?
“E' lo sport stesso e lo stile di vita che c'è intorno che mi hanno sempre attratto. Le amicizie che fai durante ogni viaggio e le cose, i posti nuovi che ti fa conoscere, tutte queste cose hanno fatto si che lo snowboard diventasse una grande passione e un lavoro”.

Hai debuttato in Coppa Europa a 15 anni e dopo 10 arriva l'Olimpiade: è il momento giusto?
“Il momento lo aspetto da sempre. Adesso che sono in forma e so di poter fare un bel risultato poi, credo proprio che sia il momento giusto. Per ora gira tutto bene, come dovrebbe essere. Un momento così non rimarrà per sempre quindi vediamo di sfruttarlo nel miglior modo possibile”:

Se guardi indietro a quando hai cominciato, pensavi di poter partecipare a un'Olimpiade un giorno?
“E' sempre stato il mio sogno e uno dei motivi per cui mi alleno e faccio questa vita da atleta. La certezza non l'ho mi avuta (è impossibile guardare al futuro), ma la voglia e la grinta per raggiungere questo obiettivo non mi sono mai mancate”.
Gli Autogol su IS
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.