30 Aprile 2012 di Marco BarzizzaBig
Cos’hai trovato di particolarmente positivo in questa società?
“Sicuramente è la società più organizzata e, in quanto tale, più vicina ad altri sport come il calcio, in cui abbia giocato”.

Nato a Rapallo, la pallanuoto è stata una scelta quasi forzata?

“Da noi in Liguria tutti i bambini cominciano a giocare a pallanuoto, prima al mare e poi spesso in piscina”.

Eccetto Posillipo hai sempre giocato vicino a casa, ti è andata bene che hai trovato uno sport che in Liguria va fortissimo. Avresti avuto difficoltà a spostarti magari all’estero?

“Non nascondo il desiderio magari un giorno di fare un’esperienza all’estero”.

Da piccolo facevi altro o sei subito partito col nuoto o la pallanuoto stessa?

“La pallanuoto ha sempre fatto parte della mia vita, ho cominciato all’età di 7 anni e non mi sono più fermato”.

Hai vinto praticamente tutto, manca solo la medaglia Olimpica. Qual è il pensiero verso Londra?

“Un pensiero stupendo…”.

Sarete la Nazionale da battere molto probabilmente, senti già la pressione?

“E’ normale che la pressione ci sia, sia perché si tratterà di un’Olimpiade, sia perché saremo la squadra da battere. Ma questo non ci distoglierà dalla nostra preparazione e concentrazione.

Non pensi che uno sport come la pallanuoto, che tanto ha dato all’Italia, sia troppo relegato alla nicchia nel nostro paese?
“Purtroppo questo è uno scenario molto frequente in un’Italia dove il pallone la fa da protagonista. Ma è proprio attraverso i risultati che noi possiamo e dobbiamo dimostrare, se ancora ce ne fosse bisogno, che la pallanuoto continuerà a dare molte soddisfazioni all’Italia”.

Federica Pellegrini ha rifiutato di fare la portabandiera dell’Italia alle Olimpiadi per via delle gare il giorno dopo la cerimonia, scelta condivisibile o no. Tu come ti saresti comportato nella stessa situazione?

“Per me rappresentare la mia nazione in un momento cosi importante e simbolico sarebbe un onore, ma posso anche capire le necessità di un’atleta come Federica Pellegrini”.

Ho visto sul tuo blog che sei molto attento al sociale, alla beneficenza, vero?

“Chi ha la fortuna di fare lo sportivo a questi livelli, non può non provare a restituire qualcosa a chi non ha niente”.

Per un giocatore che ha vinto tanto come te, che cosa pensi ti abbia dato la pallanuoto in tutti questi anni?

“Sicuramente ho imparato a non abbattermi nei momenti difficili e a provare sempre a ripartire”.

Non so molto della tua vita privata: sei sposato, hai figli?

“Ho una fidanzata e un domani spero di avere dei figli”.

Ti piacerebbe che un giorno diventassero dei pallanuotisti? 

“Ah..chi lo sa.. Sicuramente spero di trasmettergli la passione sana per lo sport, che sia la pallanuoto o un altro”.
Gli Autogol su IS
Highlights NBA
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.