27 Marzo 2012 di Alessandro GandiniSerie A

Genoa aggrappato alla treccia di Rodrigo

I 15 gol di questa stagione confermano la consacrazione ad alti livello dell'argentino Palacio, che dopo aver "rifiutato" l'Inter sta tenendo a galla il suo Genoa
Picture
Foto tratta da bola.okezone.com ©Getty Images
A volte bastano i freddi numeri. Su 37 reti segnate dal Genoa quest'anno, ben 15 portano la firma di Rodrigo Palacio, vale a dire più del 40 % del totale. Se si volesse fare un giochino statistico, si potrebbe andare un poco indietro con gli anni e scoprire che, da quando è al Genoa, questo giocatore trasforma la sua squadra: la media punti con lui in campo è quasi due volte quella di quando è assente. In due parole, giocatore decisivo: come domenica scorsa quando, in una delle sue giornate più grigie, a un passo dal baratro di un'altra sconfitta in casa, è lui a togliere le castagne dal fuoco a Marino con un gol meraviglioso, lasciando sul posto tre giocatori e infilzando Boruc imparabilmente sul palo lontano per un 2-2 che tiene in piedi il Grifone, che barcolla ma non crolla.

LA TRENZA DI JOYA - Questo e altro, come ben sanno quelli che frequentano il Luigi Ferraris di Marassi, è Rodrigo Palacio, attaccante argentino di trent'anni che come tutti i calciatori provenienti dalla steppa ha un soprannome. Anzi due, altro segno che è un tipo un po' speciale: il primo è “La Trenza”, per via di quella (discutibile) treccina lunga che pende dalla sua testa rasata; l'altro è “La Joya”, coniato dai tifosi del Boca Juniors per motivi che non necessitano di traduzione.

IL COLPACCIO DI PREZIOSI JR - Rodrigo Palacio da Bahia Blanca è un giocatore particolare, con quella faccia un po' così e quell'espressione un po' così di quelli che arrivano a Genova dal Boca Juniors; che è come dire  cambiare continente senza cambiare città, visto che il quartiere della Boca è stato popolato da emigranti genovesi (e ovviamente, visto il periodo, genoani) a inizio Novecento, i quali hanno fondato il Boca Juniors nel 1905 apponendo sulla maglia la scritta “xeneises”, così per togliere ogni dubbio. Quella faccia un po' così, dicevamo, di chi è arrivato a Genova a raccogliere un'eredità pesante di un altro argentino speciale per i rossoblù, il Principe Milito. Arrivò quasi nel silenzio, Palacio, eppure non era certo un signor nessuno: era la stella della Bombonera, in coppia con Martin Palermo, due titoli nazionali (un Apertura e un Clausura) più una Copa Libertadores (2007) e un mondiale con la nazionale argentina, (anno 2006, una sola presenza) chiuso da fenomeni vecchi e nuovi come Crespo, Tevez e Messi. Fu il giovane Fabrizio Preziosi, narrano i ben informati, a volare a Buenos Aires e portarlo a Genova con un blitz, nonostante il parere inizialmente non favorevole di Gasperini, per soli cinque milioni di euro.
Gli Autogol su IS
Highlights NBA
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.