9 Ottobre 2013 di Luca OggioniLigue 1

Verratti, da Pescara a nuovo imperatore di Parigi

I media francesi esaltano le sue straordinarie prestazioni in campo del talentino. La Francia e Parigi sono ai suoi piedi
Picture
Foto tratta da www.wakeupnews.eu
C’è chi lo definisce “di un’altra dimensione” come “L’Equipe”, chi come “Le Parisien” lo eleva al grado di “genio”, e infine, c’è chi come “Le Figaro” riserva l’aggettivo “impressionante” per evidenziare le incredibili doti di Marco Verratti. Complimenti che profumano di incoronazione. Un’investitura arrivata dopo le splendide interpretazioni calcistiche che hanno permesso alla squadra di Blanc di agguantare la vetta della classifica sia in Ligue 1, sia nel girone di Champions League. Una serie di giocate che hanno messo Parigi e la Francia intera ai suoi piedi vellutati. La storia di Verratti ricorda quella della “Gioconda”, il capolavoro di Leonardo Da Vinci conservato nel Museo del Louvre di Parigi. Un’ opera d’arte italiana nelle mani degli "odiati" francesi. Già, perché in questo momento il play del Psg sta giocando divinamente: tocchi perfetti, lanci millimetrici ma anche tanta quantità lì in mezzo al campo. Quelli che fossero interessati a godersi l’arte italiana di Marco sono pregati di recarsi al Parc des Princes.

PESCARESE DOC– Marco Verratti nasce il 5 novembre 1992 a Pescara. E’ proprio qui che inizia la sua carriera da calciatore. Dopo la trafila delle giovanili, debutta in prima squadra il 9 agosto 2008, a soli 15 anni e 9 mesi, in Mezzocorona-Pescara (0-2) di Coppa Italia. L’esordio in Prima Divisione arriva il 31 agosto, alla prima giornata, titolare con la maglia numero 10 nella partita col Crotone, persa 2-0. L’anno successivo realizza il suo primo gol da professionista in Pescara-Sangiustese (3-2) valida per la Coppa Italia Lega Pro. Nel match inaugurale, mette a segno la prima rete in campionato contro il Rimini. A fine stagione il Pescara ottiene la promozione in Serie B e il talento di Verratti è pronto a sbocciare. Nella stagione 2010-2011 esordisce nella serie cadetta, diventa titolare con il tecnico Di Francesco che lo schiera in 28 occasioni, ma è con l'arrivo di Zdeněk Zeman che Verratti esplode definitivamente. Il boemo gli affida la regia della squadra come centrocampista davanti alla difesa: un ruolo che esalta tutta la sua classe cristallina. Con la formazione abruzzese vince il campionato di Serie B, ottenendo la promozione in Serie A.

PSG E FUTURO -  Nell’estate 2012, la Juventus vede in lui il nuovo Pirlo, purtroppo (per i bianconeri e per il calcio italiano) Verratti ha voglia di giocare e non di fare la riserva. La trattativa sfuma, piomba il Psg che gli promette un ruolo importante in squadra. Così, il 18 luglio viene acquistato dal Paris Saint-Germain per 12 milioni di euro: firma un contratto quinquennale e tanti saluti all’Italia. Sotto la guida dell’allenatore italiano Carlo Ancelotti debutta in Champions e a fine stagione si laurea campione di Francia. Chi pensava che l’addio di Carletto a giugno avrebbe potuto rallentarne lo slancio si sbagliava. Il tecnico Laurent Blanc ha avuto l’intuizione di affiancare il gioiellino ex Pescara al redivivo Thiago Motta: una miscela esplosiva che ha permesso al Psg di raggiungere un equilibrio perfetto. Se proprio bisogna trovare un difetto a Verratti, gli manca ancora il primo gol con la maglia dei Parisiens. Bazzecole. Nel frattempo le sue prestazioni super non hanno fatto altro che aumentare la nostalgia e i rimorsi per aver lasciato emigrare un talento del genere. L’esposizione in terra straniera continua, sperando che un giorno la Serie A possa gustarsi il suo patrimonio.
Gli Autogol su IS
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.