17 Maggio 2013Ligue 1

Paris Saint Germain, è qui la festa?

La festa scudetto si trasforma in un delirio in città. Dal gol di Menez è successo di tutto: il mercato che impazza, la lite Leo-Ibra, la guerriglia sugli Champs Elysees
Picture
Scontro scudetti a Parigi
Che qualcosa non tornasse si era capito subito. Nella squadra più globalizzata della Ligue 1, quella che più di tutte finite nel mirino della stampa sciovinista d'oltralpe, il gol dell'anno, quello che vale una stagione lo ha firmato, pensate un po', uno dei pochissimi francesi della rosa: Jeremy Menez. È sua la rete con cui il Psg affonda il Lione e conquista il suo terzo titolo dopo ben 19 anni di digiuno.  

CLIMA ROVENTE - Un gol buono più per i tabellini e gli almanacchi che non per la Storia. Perché, davvero, domenica 12 maggio, lo scudetto dei parigini forse è stata davvero l'ultima delle notizie. Inevitabilmente coinvolta in ogni rumors di calciomercato con tormentoni che molto probabilmente ci accompagneranno per tutta l'estate come quelli legati a Ibra, Ancelotti e Leo giusto per citare i più in voga in questo momento l'aria che tira al Psg non è delle migliori. E lo si è notato subito. Ancora volavano gavettoni e champagne nello spogliatoio che subito Ibra si è scagliato contro Leonardo. Disguidi legati all'antidoping dice la cronaca, rapporto logoro dice il testuale “Rovini sempre tutto” con cui Zlatan ha apostrofato in malo modo Leo che dopo ha anche accusato un leggero malore. E che dire di Ancelotti? Il sor Carletto ci ha provato a far diventare l'accozzaglia di fenomeni una squadra, in parte forse ci è anche riuscito, ma anche lui è tutt'altro che in posizione stabile. Lo sceicco Al-Khelaïfi non ha gradito i contatti con il Real Madrid, Ancelotti qualche tentennamento di troppo della società in inverno. Rapporto in bilico come conferma l'intervista del tecnico di Reggiolo all'Equipe. 

FESTA ROVINATA - In questo bel quadretto poi ci si sono messi anche i tifosi che, giusto per riscaldare un ambiente decisamente già caldo, non hanno trovato di meglio che trasformare i caroselli per la conquista del titolo in una giornata di guerriglia contro la polizia. Trocadero e Champs Elysees sono diventati campi di battaglia, la parata sulla Senna annullata. Bilancio finale: 32 feriti e la dura condanna del Ministro dell'Interno Valls e del sindaco Delanoe. Bella festa, non c'è che dire.

MADE IN ITALY - In mezzo a questo vero e proprio delirio resta il trionfo sul campo. Dopo il mezzo passo falso della scorsa stagione il Psg doveva fare solo una cosa: vincere. E lo ha fatto. Un successo fortemente “italiano”. Sirigu, Verratti, Pastore, Lavezzi, Ibra, Thiago Silva, Thiago Motta, Maxwell, Menez e ovviamente Carletto Ancelotti in panchina e Leo dietro la scrivania. Il Paris SG è una sintesi di quanto di meglio ha espresso negli ultimi anni il nostro calcio. Segno che forse non è tutto da rottamare.

LA SFIDA - Certo, i momenti difficili non sono mancati, soprattutto in avvio di stagione e in concomitanza delle fatiche di Champions (fuori ai quarti con il Barça senza perdere, decisamente un'avventura positiva) ma ben presto si è capito che il titolo sarebbe finito nella Ville Lumiere. Marsiglia e Lione ci hanno anche provato ma la faraonica campagna acquisti dello sceicco alla fine ha fatto la differenza. Troppo forte questo Psg per la concorrenza. Almeno per ora. Già...perché dall'inferno della Ligue 2 è tornato, più forte e più ricco....molto più ricco, un rivale storico: il Monaco. L'arrivo, pazzesco, di Radamel Falcao sembra solo l'inizio. La sfida è già cominciata.
Gli Autogol su IS
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.