15 Novembre 2013 di Luca OggioniLiga

Messi si blocca ancora

La pulce argentina tornerà solamente nel 2014. Infortuni che sono riapparsi dopo l'addio di Guardiola
Picture
Foto tratta da www.repubblica.it
Terzo stop in quattro mesi, sesto se si considera l’intero 2013. Ancora una volta è il bicipite femorale (sinistro o destro che sia) a costringere ai box Leo. Un serie di k.o. che a Barcellona, sotto la guida Guardiola, non si erano mai verificati. Già, perché nei 4 anni con Pep, Messi giocava sempre e non si rompeva (quasi) mai. Una volta andato via l’allenatore del Tiki-Taka, il numero 10 blaugrana ha iniziato di nuovo a farsi male. L’ultimo stop risale a domenica scorsa a Siviglia contro il Betis. La sua partita è durata solo 20 minuti, poi la sostituzione ha calato il sipario sul 2013 del giocatore argentino. Una situazione che preoccupa il tecnico Tata Martino: “Dovrò parlare con Leo - spiega - È il terzo infortunio in pochi mesi, voglio capire se il giocatore è tranquillo, non so in che modo questi disturbi possano influenzarlo psicologicamente". Un allarme che, oltre a tenere con il fiato sospeso il popolo blaugrana, comincia a far tremare un’intera nazione, in vista del Mondiale in Brasile.

DI CHI E’ LA COLPA? –  Prima dell’arrivo di Guardiola, quando in panchina sedeva Rijkaard, l’avventura del giovane Leo non iniziò benissimo: 4 infortuni nel 2006 (due al bicipite femorale destro, un leggero problema alla caviglia, più la rottura del quinto metatarso), 2 l’anno seguente (ischio tibiale e bicipite femorale sinistro), uno nel marzo 2008 (sempre al bicipite femorale sinistro). Poi con Guardiola le cose cambiano. C’era chi sosteneva che Pep e il suo staff erano intervenuti sulle abitudini alimentari del calciatore, oltre che sulla sua preparazione. Nel quadriennio Guardiola Leo si ferma solo per la sfida contro l’Inter del novembre 2009 e 3 partite nel settembre 2010, quando un’entrata da brividi sulla caviglia da parte dell'ex-viola Tomas Ujfalusi a quei tempi in forza all'Atletico Madrid, lo costringe alle stampelle per circa 15 giorni. Guardiola va al Bayern Monaco, arriva Villanova e gli infortuni ricominciano: problema muscolare (bicipite femorale destro) in occasione dell’andata col Psg a marzo, poi di nuovo con l’Atletico a maggio, la ricaduta ad agosto nell’andata di Supercoppa sempre contro i Colchoneros (bicipite sinistro), altro ko a fine settembre (solito bicipite destro), domenica scorsa l’ultimo incidente, nonostante dal suo arrivo a Barcellona, Martino abbia detto che uno dei suoi compiti era quello di saper dosare le forze dei giocatori. Insomma, un inizio di stagione da incubo. 

IL MONDIALE SI AVVICINA - Problemi fisici che non sembrano però aver intaccato la vena realizzativa della Pulce: 14 reti fin qui di cui 8 messe a segno in campionato e 6 in Champions League. Durante questo riposo forzato è tempo di capire perché all’improvviso i suoi muscoli sono tornati ad essere tanto fragili. Il Mondiale brasiliano è sempre più vicino, arrivare al grande evento non al top della condizione o addirittura perderlo causa infortunio sono scenari che nessuno vuole prendere in considerazione.
Gli Autogol su IS
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.