25 Ottobre 2013 di Luca OggioniLiga

Il Clasico delle prime volte

Sabato al Camp Nou sarà la prima volta per molti. Una partita stellare con una Liga ancora tutta in gioco
Picture
Foto tratta da agenziainforma.it
Non è mai una partita come le altre: Barcellona-Real Madrid è la partita con p maiuscola, soprattutto se c’è in palio una buona fetta del campionato. Una sfida stellare tra due squadre pazzesche. Anche se sembra impossibile, dopo ben 17 Clasicos in soli 3 anni, tra Liga e Champions League, c’è ancora qualcuno che riesce a fare il suo debutto in questa super sfida. Stiamo parlando dei due grandi acquisti estivi come Bale e Neymar, dei due allenatori e di gente come Iscoe Illaramendi.

VIETATO PERDERE – Il Real arriva a questo appuntamento dopo la vittoria al Bernabeu contro la Juventus. Un sofferto 2-1 (Juve in 10 per tutta la ripresa) che ancora una volta ha gettato perplessità a Madrid. In campionato, i punti che separano i blancos dal Barcellona capolista sono 3: un successo vorrebbe dire aggancio alla vetta, con una sconfitta, invece, le possibilità di vittoria della Liga si ridurrebbero al lumicino. Se Bale ha visto solo in sogno lo stadio del Barça, per Carletto Ancelotti questa sarà la quarta volta che si accomoderà sulla panchina del Camp Nou. I precedenti però, non sono incoraggianti. Due volte con il Milan dove ha perso e pareggiato, e una col Psg, il 10 aprile scorso, dove finì 1-1 nel ritorno dei quarti di finale di Champions, un pareggio che di fatto eliminò i suoi alla luce del 2-2 dell’andata. In questi primi mesi, Ancelotti sta cercando di cambiare mentalità ai suoi dopo il trienno firmato Mou: più attenzione al controllo della gara, più possesso palla e imposizione del proprio gioco. Un processo faticoso visto anche la tipologia di giocatori: Ronaldo, Di Maria, Bale, Isco, gente fatta su misura per chiudersi e ripartire. Un sistema che si basa su continue verticalizzazioni piuttosto che una fitta rete di passaggi orizzontali. In attesa di vedere il marchio “Ancelottiano”, a togliere le castagne del fuoco ci pensa sempre lui: CR7. Le cifre dell’asso portoghese sono disumane: 216 reti in 211 gare con la maglia del Real. Un mostro.

VINCERE PER ALLUNGARE – Dall’altra parte della barricata, il Barcellona si presenta al Clasico dopo un pareggio a San Siro contro il Milan. Un 1-1 che ha visto i blaugrana un po’ sottotono. Al contrario di Carletto, il Tata Martino, il Real Madrid lo ha sempre visto dal salotto di casa. Chiamato d’urgenza per la malattia di Tito Villanova, anche l’allenatore argentino ha intrapreso una strada difficile: portare degli accorgimenti al famoso (ed esasperato) tiki-taka, cercando alternative con più frequenti lanci lunghi per le punte. Una transazione difesa-attacco più rapida e meno elaborata. Prima volta anche per gioiellino Neymar che quello stadio l’ha già conquistato. Il suo inserimento sta procedendo bene, l’intesa con “il padrone di casa” Messi cresce di partita in partita.

TERZO INCOMODO – Come dal 2009 a questa parte, Barcellona-Real Madrid vuol dire anche Messi vs Cristiano Ronaldo. I più forti giocatori al mondo che si danno battaglia per 90 minuti. Quest’anno come non mai però, ci sono parecchi infiltrati che vogliono rubare il palcoscenico ai due fenomeni. Dopo 17 sfide nel segno di Guardiola (Tito), Mou, Leo e CR7, ecco alla finestra nuovi protagonisti. 
Gli Autogol su IS
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.