14 Marzo 2018 di Fabio SacchiBasket

Olimpia Milano: con il Real spirito giusto, da sfruttare per chiudere bene la stagione

Nonostante le difficoltà incontrate nella prima parte di stagione, le “Scarpette Rosse” sembrano essersi ritrovate grazie a 4 vittorie consecutive tra campionato e coppa.
Picture
Vladimir Micov, foto Olimpia Milano
La partita con il Real ha evidenziato gli evidenti limiti in Eurolega dell’AX Armani Exchange Milano, che anche quest’anno ha dimostrato di non poter competere con squadre del calibro di quella “merengue”. La truppa di Pianigiani però sembra aver trovato un minimo di fiducia, data dalla striscia di quattro successi consecutivi tra coppa e campionato. Il match contro i “blancos” non era di certo quello da vincere: al gruppo si chiedeva energia e voglia di lottare e così è stato, ma è necessario ricordare che il Real ha giocato una partita mostruosa nonostante le assenze di Doncic, Llull e Reyes, non proprio gli ultimi arrivati. 

POCA COSTANZA IN EUROPA, MA... - La miglior versione dell’Olimpia è stata sicuramente quella della partita contro il Khimki, giocata da Cinciarini e compagni ai limiti della perfezione. Goudelock e Jerrells hanno sfoderato prove offensive degne di nota, Micov il solito “professore” - predicando non più nel deserto - e i due centri sono riusciti a difendere e attaccare in maniera sublime. In particolare Gudaitis ha dimostrato una volta di più di essere uno dei migliori pivot d’Europa: al suo bagaglio tecnico ha aggiunto l’aiuto e recupero sul pick'n roll, che nella partita sopra citata in Russia ha permesso di raddoppiare gli avversari più pericolosi senza lasciare scoperta l’area. E anche Tarczewski è migliorato rispetto al suo primo anno in Italia. Il problema di Milano è la poca costanza, che spesso ha portato a sonore batoste in campo Europeo, dove la formazione biancorossa ha tolto a se stessa molto presto le speranze di entrare tra le prime 8 che si giocheranno i playoff. 

DOPO FIRENZE UN'ALTRA FACCIA - Quel che è certo è il miglioramento delle ultime settimane. La voglia di lottare mostrata nella partita contro il Real è un segnale confortante, così come lo è stata la vittoria ottenuta in Russia, a casa Khimki. Ciò fa capire che la squadra ha riacquistato in parte la fiducia persa nella prima parte di stagione, culminata nel punto più basso a Firenze, in occasione delle Final Eight di Coppa Italia dove l'eliminazione ad opera di Cantù nei quarti di finali ha mandato tutto l'ambiente milanese nel baratro. Ora testa alta senza però adagiarsi sugli allori: le rimanenti sfide in Eurolega devono essere utilizzate come banchi di prova per testare le vere potenzialità di un gruppo che sembra far intravedere (finalmente) qualcosa di positivo. Certo, ci si sarebbe aspettati di più in questa stagione europea (e non solo), ma ora l'Olimpia deve cercare di ottenere il più possibile nelle ultime giornate, sfruttandole come viatico positivo per arrivare al meglio ai playoff in Italia. L'adagio 'vincere aiuta a vincere', è sempre valido! 
Gli Autogol su IS
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.