12 Luglio 2013 di Claudio RadiceVolley

La crisi nera della pallavolo italiana

Nel maschile e femminile le società hanno problemi con le iscrizioni ai campionati. La Lega sta controllando tutte le papabili iscrizioni, ma mai come quest'anno le serie maggiori rischiano di rimanere spoglie
Picture
Foto tratta da geekweek.altervista.org
Il mondo della pallavolo è in crisi. Non è una frase fatta, per stupire o far preoccupare gli appassionati, ma quello che si recepisce dalla difficoltà economica che hanno le società nel potersi iscrivere al prossimo campionato di A1.

CRISI VERA - Mentre nel mondo del calcio c’è la gara degli sceicchi per chi spende più soldi, nella pallavolo ci si lecca le ferite dovute alla mancanza di sponsor o alle difficoltà economiche dei rispettivi presidenti. Difficile dare la colpa ai primi, impossibile per i secondi che si trovano nella condizione di dover vendere, spesso svendere, giocatori o addirittura società. D’altronde la situazione del mondo pallavolistico rispecchia fedelmente quella che gli italiani sono costretti a vivere quotidianamente da 3 anni a questa parte: possibilità economiche ridotte e limitazione degli sperperi, cose che nel mondo dello sport e della vita non agevolano sicuramente.

I MASCHI SI DOVREBBERO SALVARE - Per quanto riguarda il mondo maschile, nonostante le difficoltà economiche le società hanno dovuto presentare i documenti di richiesta di partecipazione alla Lega Serie A1 entro il 13 giugno. Dopo averli visionati, la Commissione Ammissione Campionati, ha inviato l’elenco delle squadre partecipanti alla FIPAV. Elenco in cui mancheranno sicuramente due realtà fondamentali per la pallavolo come la New Mater Srl Castellana Grotte (BA) e Città di Castello Pallavolo, che ha realizzato la fusione con San Giustino. Nella lista sono invece presenti le richieste di: Piemonte Volley Cuneo, Top Volley Latina, Volley Lube Macerata, Modena Volley Punto Zero, Nuova Pallavolo Molfetta (BA), Sir Safety Umbria Volley Perugia, Biancorosso Volley Piacenza,GS Robur Angelo Costa Ravenna, Altotevere Volley San Giustino (PG), Trentino Volley, BluVolley Verona, Callipo Sport Vibo Valentia. Dopo essere state visionate, tutte e 12 le richieste di iscrizione sono state accettate per cui queste società avranno la certezza di poter partecipare al prossimo campionato di Serie A1.

LA FEMMINILE STA PURE PEGGIO - Discorso più complicato invece quello che riguarda il mondo femminile. Il 20 giugno scorso il CDA della Lega Pallavolo serie A femminile ha incontrato a Roma i procuratori e le capitane di Serie A1 e Serie A2 per illustrare le nuove norme di ammissione al campionato 2013/2014, con particolare riferimento alla sottoscrizione delle liberatorie all'atto dell'iscrizione e ai passaggi successivi di controllo dei pagamenti. Il CdA di Lega ha infine concordato con le atlete un nuovo incontro, previsto per inizio settembre, per proseguire nel percorso di confronto e collaborazione intrapreso negli scorsi mesi. 
Gli Autogol su IS
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.