16 Marzo 2012Hockey

A Milano le Black Widows smuovono l'hockey

Nata da due anni, la formazione meneghina ha già vinto un campionato e ora prova a finanziarsi la serie A tramite un calendario sexy. Guardare per credere
Picture
Black Widows ©cfs
Ci si immagina spesso le donne con gonne e tacchi a spillo, noi ci occupiamo invece di quelle con ai piedi pattini e armatura, da farle sembrare Robocop. Non parleremo della Serie A Femminile, che è formata da quattro squadre, ma della fortunata novità che sta nascendo a Milano e che vuole irrompere, tra qualche anno, proprio nella massima categoria. Questo nuovo fenomeno meneghino è la squadra delle Black Widows Milano Colorflex. Ritorna a Milano, più precisamente a Sesto San Giovanni, l'hockey femminile dopo molti anni di silenzio, grazie alle "Vedove Nere" dell'Hockey Club Diavoli Rossoneri. Prima delle "Ladies" l’hockey in rosa nel capoluogo lombardo era conosciuto, tra gli anni ‘80 e ‘90, dapprima grazie alle All Stars Milano, poi con il Yellow Team ed infine con l’Ambrosiana. Giocavano sulla pista scoperta del Centro sportivo Mario Saini, oppure nel mitico palaghiaccio Piranesi o ancora nella pista secondaria del Forum di Assago. Finito quel periodo, si torna a parlare di hockey femminile solo nei primi anni 2000, con il progetto Cus Milano. Fu l’ultima volta che in città e provincia si sentì accostare le donne al disco, a parte l’in-line.

VEDOVE NERE, LA STORIA - La storia delle "Vedove Nere" inizia nell’Aprile 2010 quando alcune ragazze della formazione amatoriale mista dei Diavoli decidono di prendere parte ad un torneo femminile organizzato dalle ex atlete dell’Hockey Club All Stars Milano, capitanate da Alessandra Martoscia, Elisabetta Cella e Davide Martoscia. E’ il torneo Danae Sangiovanni, in memoria dell'omonima compagna di squadra scomparsa. Quella competizione risulterà essere l’inizio di una nuova avventura per le donne dell’hockey meneghine. Da Settembre 2010 le ragazze si allenano con costanza ogni Sabato e Lunedì presso la pista di Sesto San Giovanni, si autofinanziano ma sono alla ricerca di uno sponsor che le possa aiutare nel prosieguo dell'attività agonistica. Dopo poco tempo dalla nascita della squadra, le atlete, ormai affiatate sia in campo che fuori, senza guardare alla differenza di età tra di loro partecipano al primo torneo “ufficiale” riconosciuto dalla FISG con il nome di HC Diavoli Rossoneri sez. Ladies e ottengono il loro primo storico successo contro la formazione di Asiago (punteggio 4-3).

SERIE B STRAVINTA - Grazie a questa vittoria l’intesa tra le giocatrici cresce e decidono di prendere al volo la possibilità di partecipare al campionato creato dalla FISG con l'aiuto di Davide e Alessandra Martoscia. La nuova avventura prende il nome di "Campionato Promozionale Femminile", partito a Novembre dello scorso anno e al quale partecipano tre formazioni: Asiago Ladies, Pontebba FVG e Diavoli Rossoneri appunto, che per l’occasione cambiano il nome della squadra in qualcosa di più aggressivo: Black Widows Milano. Le “nostre” giocano e vincono in scioltezza il promozionale di Serie B, vincendo tutte le gare e dimostrando una netta superiorità. Su quattro incontri disputati segnano ben 46 reti contro le sole 6 subite.
Black Widows Hockey femminile
Logo Black Widows
Calendario Black Widows
Calendario Black Widows
Calendario Black Widows
Backstage calendario Black Widows
Backstage calendario Black Widows
Black Widows in gruppo
Gli Autogol su IS
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.