15 Luglio 2014 di Andrea MauriCiclismo

Le mani sul Tour

Clamoroso al Tour de France: Contador cade in discesa e si ritira; Nibali vince a Planche des Belles Filles davanti a Pinot e Valverde, ora a 2'33" di vantaggio su Richie Porte.
Picture
foto tratta da lasicilia.it
Vincenzo Nibali vince alla Planche des Belle Filles e si riprende la maglia gialla, persa lunedì in favore di Tony Gallopin. E' arrivato al traguardo mettendosi dietro Pinot (FDJ), Valverde (Movistar) e Peraud (Ag2r). Vi chiedere dov'è Contador, lo spagnolo non c'è al traguardo ed è questa la notizia di giornata. Il Pistolero è caduto in discesa a novanta chilometri dall'arrivo ed è stato costretto al ritiro, ora Nibali è il favorito numero uno per la Grand Boucle.

LA VITTORIA – La fuga di giornata parte appena dopo il via grazie all'azione di Voeckler (Europcar), Visconti (Movistar) e Taraamae (Cofidis), raggiunti poco dopo da Sagan (Cannondale), Kwiatkowski e Martin (Omega Pharma) e da un redivivo Purito Rodriguez(Katusha). E' proprio Purito con Voeckler ad animare la fuga sprintando ad ogni Gran Premio della montagna per strappare punti validi nella classifica della maglia a pois, quella di miglior scalatore della corsa. Davanti tutto fila liscio e nell'ultima salita si ritrovano soli Kwiatkowski e Purito, con lo spagnolo che stacca il giovane polacco salvo poi piantarsi nell'ultimo chilometro, venendo superato da Nibali. Lo squalo dello stretto ha salutato la compagnia del gruppo a tre chilometri dall'arrivo, con un grande scatto a coronare l'immenso lavoro di Michele Scarponi. Nibali vince sul traguardo che due anni fa ha rivelato al mondo l'esistenza di Chris Froome mettendoci venti secondi più del keniano, la differenza però la fa la tappa. Quella vinta da Froome era radicalmente diversa rispetto a quella di ieri, presentava infatti solo la Planche des Belles Filles come salita, mentre Nibali e compagni hanno dovuto affrontare sei gran premi della montagna: tre di 1a categoria, due di 2a e uno di 3a. Insomma, una prestazione monstre da parte di Vincenzo che dimostra di meritare il successo al Tour de France nonostante i ritiri dei principali avversari: Froome e Contador.

IL RITIRO – Ed è proprio il ritiro di Alberto Contador l'altra notizia di giornata. Il Pistolero è caduto nella discesa del Col du Platzerwasel poco dopo aver superato Nibali. Ha rimediato una ferita al ginocchio, medicata dal medico del Tour, che gli ha fatto perdere molto sangue. Dopo la medicazione lo spagnolo è rimontato in sella, ma aveva perso più di quattro minuti dal gruppo principale. In un primo momento era riuscito a recuperare qualche minuto grazie al supporto dei compagni di squadra, ma la gamba gli faceva troppo male e a 80 chilometri dal traguardo ha salutato i compagni ed è salito sull'ammiraglia. Nel dopo-tappa si scopre che il corridore spagnolo ha riportato la frattura della tibia destra, in giornata volerà a Madrid dove deciderà se operarsi o meno. In caso di operazione i tempi di recupero sono previsti in 5-6 settimane e Contador avrebbe quindi finito la stagione, al contrario potrebbe tentare un recupero in extremis con obbiettivo la Vuelta, per dare un senso alla stagione. 
Gli Autogol su IS
Iscrivi alla NewsLetter!
Sei una promessa dello sport e nessuno lo sa?

Ti chiamano "fenomeno" ma nessuno ti intervista?

Raccontaci la tua storia, lo faremo noi!
Seguici su...
Ricerca
Facebook
Le foto presenti su "intervistasportiva.com" sono state in parte prese da Internet, e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori fossero contrari alla pubblicazione non avranno che da segnalarlo a redazione@intervistasportiva.com e provvederemo prontamente alla rimozione.
The pictures on "intervistasportiva.com" are taken in part from the web, and thus considered to be public. If the subjects or the authors disagree with the publication. They can report that to redazione@intervistasportiva.com. We will promptly remove them.


Licenza Creative Commons
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Italia.